Gli sposi non sono un bancomat

Il titolo di questo post dovrebbe suonare come una banalità disarmante eppure…
sempre più spesso mi accorgo che un matrimonio viene erroneamente visto come una semplice giornata dove da parte dei fotografi basta scattare un po’ di tutto, da parte del catering basta non avvelenare le persone e da parte dei musicisti bisogna giusto intrattenere un po’.

Alcuni operatori purtroppo rientrano nella descrizione appena fatta ma la maggior parte sono invece incredibili!
Spesso infatti non ci si ferma a riflettere che dietro ad un matrimonio ci sono delle persone!

E le persone sono un’alchimia di emozioni, di detto e non detto, di sguardi, sorrisi e lacrime con cui bisogna interagire in punta di piedi: una fotografia si scatta per uno scopo, ma chi fotografa non è un robot che preme un pulsante ma una persona che prova empatia verso gli sposi e che è pronto in tutti i modi ad aiutarli ed accompagnarli in una giornata sicuramente complicata armato più che della macchina foto del sorriso e di un incrollabile gioia di vivere.

Ecco forse la caratteristica più importante di chi fotografa matrimoni deve essere proprio il lato umano, quello che unirà alla bellezza degli scatti un ricordo piacevole: gli sposi avranno così vissuto la loro giornata con meno stress possibile.

Quindi quando si parla di qualità (che giustamente ha un costo) di un servizio fotografico di matrimonio non fermatevi solo alla bellezza delle foto: cercate di capire come sarà la persona dietro alla macchina foto.
Vi renderà la vostra giornata migliore? Vi aiuterà a sostenere e stemperare lo stress? Sarà come l’acqua adattandosi ai vostri ospiti  di modo ché la giornata possa scorrere nel migliore dei modi?
Quanto vale per voi il feeling con chi vi fotografa?

 

Fotografo professionista torinese, amo viaggiare, il sushi e la musica rock.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: